Marco Farina - SERVIZIO PERSONAL TRAINER ON LINE
RSS

Articoli recenti

Lo sapevi che i pesi fanno bene alle ossa ?
BENEFICI DELL'ATTIVITA' MOTORA E DIABETE
NASCE IL MIO BLOG !!

Categorie

CONTENUTI DEL BLOG
I MIEI ARTICOLI SUL FITNESS E BODY BUILDING
powered by

TUTTO SUL BODY BUILDING e FITNESS

BENEFICI DELL'ATTIVITA' MOTORA E DIABETE

 
La sedentarietà tipica della nostra società, insieme all’eccessivo apporto calorico e ad una alimentazione spesso sbilanciata, ha comportato un aumento di alcune malattie come diabete e obesità spesso definite “del benessere”.

E’ ormai noto da tempo che modificare il proprio stile di vita e in particolar modo praticare una costante attività fisica sia importante per la propria salute. La conferma è venuta anche da rigorosi studi scientifici, come quello pubblicato di recente su una prestigiosa rivista, che ha dimostrato come la pratica di una attività fisica semplice e di facile esecuzione anche per soggetti anziani, nonostante determini una perdita modesta di peso consente di ridurre di oltre il 50% il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 in persone predisposte per obesità o per ridotta tolleranza al glucosio. Dagli studi condotti emerge che l’attività fisica deve essere praticata regolarmente e con una intensità paragonabile ad una camminata sostenuta per un tempo di almeno 30 minuti al giorno, per 5 giorni alla settimana.

L’attività fisica, tuttavia, è fondamentale non solo per la prevenzione del
diabete, ma anche quando la malattia è già presente, poiché produce molti benefici effetti come il miglioramento della circolazione e la diminuzione del peso. Una adeguata attività fisica a volte consente persino di ridurre il dosaggio dei farmaci ipoglicemizzanti.
Contrariamente a quanto si riteneva in passato, la pratica di una attività fisica adeguata viene oggi favorita anche in soggetti con diabete insulino dipendente nei quali arreca importanti benefici non solo in termini fisici ma anche psicologici: molti pazienti infatti si sentono “meno malati” potendo condurre una vita più simile alla popolazione sana. Occorre tuttavia che un paziente diabetico, nel praticare una attività sportiva, ponga molta attenzione alle proprie risposte fisiche e adotti alcune precauzioni. Tutto questo è possibile se vi è una informazione adeguata e collaborazione dei medici. In seguito ad una attività sportiva non adeguata infatti, soprattutto se non è praticata con regolarità, l’equilibrio di un diabetico insulino dipendente può essere compromesso con variazioni importanti dei valori glicemici abituali. Per un diabetico che comincia a praticare una attività sportiva il primo problema da affrontare con l’aiuto del diabetologo è perciò quello di monitorare con maggiore attenzione la glicemia e valutare eventualmente la necessità di un aggiustamento terapeutico (quantità di insulina iniettata, orario dell’iniezione, quantità di carboidrati assunti con l’alimentazione) in quanto l’attività fisica a seconda del tipo, della durata, dell’intensità è in grado di modificare l’equilibrio insulinico.

I motivi possono essere diversi: innanzitutto nelle ore successive all’attività fisica c’è una aumentata sensibilità all’insulina, soprattutto quando l’attività sportiva viene praticata da persone poco allenate. Inoltre il calore prodotto dal movimento può favorire un assorbimento più veloce dell’insulina depositata nei tessuti: per un certo lasso di tempo, prima e dopo la pratica sportiva, è bene perciò evitare di iniettare l’insulina nelle zone direttamente coinvolte dallo sforzo muscolare ed evitare ambienti caldo umidi come saune o docce troppe calde e prolungate.

I pazienti diabetici dovranno dare la preferenza a sport di tipo aerobico, cioè che avvengono con uno sforzo costante ma non eccessivo, comportando così meno rischi di ipoglicemia come ad esempio trakking, marcia, ginnastica, nuoto, danza, ecc…, mentre sono da evitare tutti gli sport che comportano sforzi intensi e non costanti come lotta, pugilato, o che possano risultare pericolosi in caso di ipoglicemia come sport subacquei, motociclismo ecc…
Quanto più prolungata è l’attività fisica, tanto più accentuata può essere la diminuzione della glicemia; per contro il rischio di ipoglicemia diminuisce più l’attività è aerobica e migliore è l’allenamento.

Tutte le persone che praticano sport e che fanno uso di farmaci per il diabete devono:
- essere in grado di gestire una eventuale ipoglicemia avendo sempre a disposizione alimenti a base di carboidrati ad azione veloce
- portare sempre con sé un documento di riconoscimento e numeri telefonici utili
- monitorare la glicemia sia prima che dopo l’attività fisica
- munirsi di un abbigliamento appropriato e in particolar modo di scarpe adatte, avendo una cura particolare dei piedi che devono essere frequentemente controllati
- assicurarsi un’adeguata idratazione, bevendo anche se non si avverte lo stimolo della sete, soprattutto per allenamenti piuttosto lunghi
- non fare una attività fisica se il diabete è scarsamente controllato o se non si è in buone condizioni fisiche.
Compatibilmente con il tempo a disposizione è bene inoltre prevedere sempre una fase di riscaldamento e una defaticante e informare eventuali allenatori e istruttori della patologia di cui si soffre. Infine è consigliabile praticare l’attività sportiva in compagnia: oltre ad essere più piacevole può rivelarsi d’aiuto in caso di necessità.

0 commenti a BENEFICI DELL'ATTIVITA' MOTORA E DIABETE:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment